26 giugno 1976 - Tokyo, Giappone - IL lottatore professionista giapponese ANTONIO INOKI calcia il pugile americano MUHAMMAD ALI durante il loro incontro al Nippon Budokan. Ali era il campione di pesi massimi WBC/WBA e Inoki stava organizzando combattimenti espositivi contro campioni di varie arti marziali, nel tentativo di dimostrare che il wrestling pro era la disciplina di combattimento dominante. La lotta stessa, che è stata combattuta sotto regole speciali, è visto come un precursore delle arti marziali miste moderne il risultato della lotta è stato a lungo dibattuto dalla stampa e dai tifosi. La lotta fu refereata da G. LeBell. (Immagine di credito: ©

- ID dell’immagine: 2CB4TK3

26 giugno 1976 - Tokyo, Giappone - IL lottatore professionista giapponese ANTONIO INOKI calcia il pugile americano MUHAMMAD ALI durante il loro incontro al Nippon Budokan. Ali era il campione di pesi massimi WBC/WBA e Inoki stava organizzando combattimenti espositivi contro campioni di varie arti marziali, nel tentativo di dimostrare che il wrestling pro era la disciplina di combattimento dominante. La lotta stessa, che è stata combattuta sotto regole speciali, è visto come un precursore delle arti marziali miste moderne il risultato della lotta è stato a lungo dibattuto dalla stampa e dai tifosi. La lotta fu refereata da G. LeBell. (Immagine di credito: ©

ZUMA Press, Inc. / Alamy Foto Stock

ID dell’immagine: 2CB4TK3

Descrizione in inglese